FrAnCaMeNtE Me nE InFiScHiO

di Simone Praticò

FINALMENTE LE “INTER”CETTAZIONI

FINALMENTE LE “INTER”CETTAZIONI

Un momento tanto atteso quanto, per molti, ormai improbabile. Il solido asse Inter – Telecom, portava a pensare che intercettazioni compromettenti riguardanti la società nerazzurra, non sarebbero mai finite sotto i riflettori. E invece, a sorpresa, proprio quando nessuno se lo aspettava, ecco le telefonate che attestano come una giustizia e un’innocenza effettiva nel mondo del calcio non esiste. Anche il presidente e l’ex presidente dell’Inter, rispettivamente Massimo Moratti e Giacinto Facchetti, conversavano allegramente con il designatore arbitrale Paolo Bergamo e con la camicetta nera Massimo De Santis. Telefonate oscillanti, tra designazioni e sarcasmi ambigui. Toccherà alla discutibile giustizia sportiva, valutare queste intercettazioni che di certo non esulano l’Inter da responsabilità pesanti. La società nerazzurra viene dunque gettata nel pentolone di Calciopoli e all’improvviso, quella innocenza decantata per anni battendosi il petto, si tramuta in un alibi meschino e difficilmente accettabile. Coloro che si dichiaravano estranei ai fatti, che affermavano di non aver mai intrattenuto rapporti extra – professionali con i vertici dirigenziali del calcio, che si accaparravano con orgoglio lo “scudetto degli onesti”, adesso, in un modo o nell’altro, ci sono dentro fino al collo. D’altronde sarebbe stato da stupidi pensare il contrario, anche se gli anni di successi ottenuti vigliaccamente, dipendenti proprio da questa falsa incolpevolezza, resteranno impressi, purtroppo, negli albi del calcio italiano. Ma oggi la giustizia, quella etica, si trova di fronte un’occasione imperdibile: Quella di far valere il principio del “tutti o nessuno”, reclamato per anni dalle società giustamente penalizzate dal processo di Calciopoli, ma che si trovavano di fronte una dirigenza impunita per ovvi motivi, ma che per logica, sarebbe dovuta essere tra le prime inquisite. Il calcio italiano, sempre più malato ed entrato in un vortice dal quale difficilmente riuscirà a tirarsi fuori, oggi può accennare un sorriso. Quel ghigno di chi sta assistendo ad un primo passo verso una equità morale e immorale.

Simone Praticò

09/04/10

Annunci

8 aprile 2010 Posted by | SPORT | 2 commenti

FOTI: OMAGGIO A SCOPELLITI: DISTRIBUITI 15 MILA BIGLIETTI PER REGGINA – EMPOLI.

FOTI: OMAGGIO A SCOPELLITI. DISTRIBUITI 15 MILA BIGLIETTI PER REGGINA – EMPOLI.

Un attestato di stima nei confronti del governatore della Calabria. Questo l’intento dell’iniziativa disposta dalla Reggina Calcio, che in occasione della gara di sabato prossimo tra Reggina ed Empoli, renderà omaggio al neo presidente della Regione Calabria. “Un atto dovuto – ha dichiarato il presidente Foti in conferenza stampa – per la simpatia l’affetto e la stima che lega la società amaranto al sindaco di Reggio, eletto presidente della Regione”. La Reggina Calcio metterà a disposizione 15 mila biglietti indirizzati a tutti i settori, che verranno distribuiti nelle scuole della città e della provincia. Un modo per richiamare l’attenzione del tifoso reggino in una fase cruciale della stagione, ma anche per partecipare ad un riconoscimento ufficiale nei confronti del governatore della Calabria. “ La Reggina ha dato un contributo importante nell’ottica di rilancio di Reggio città metropolitana – continua Foti – continueremo a lavorare per il raggiungimento di ulteriori traguardi sportivi”. Il primo tifoso reggino si sofferma poi sulla gara che metterà di fronte gli amaranto all’Empoli: “Ho visto la squadra crescere; le ultime due trasferte ci hanno consegnato punti e morale”. Sulla lotta salvezza aggiunge: “La perdita della categoria risulterebbe scomoda per la città e per i giocatori oltre che un danno economico per la società”.In merito alle intercettazioni che hanno tirato in ballo anche l’Inter e che varrebbero una riapertura del caso Calciopoli, il presidente Foti svia e non si sbilancia: “Oggi voglio parlare solo di questa iniziativa che è motivo di orgoglio per i tifosi e per i cittadini reggini – prosegue – a quei punti di penalizzazione la Reggina diede delle risposte concrete sul campo, non voglio aggiungere altro”. Appuntamento dunque a Sabato 10 Aprile, quando a scendere in campo sarà Giuseppe Scopelliti che darà il la alla battaglia agonistica, valida per una buona fetta di salvezza.

Simone Praticò

08/04/10

8 aprile 2010 Posted by | ATTUALITA', SPORT | Lascia un commento